XIV LEGISLATURA

PROGETTO DI LEGGE - N. 3541




PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE


Art. 1.

        1. All'articolo 117, primo comma, della Costituzione, le parole: "e dagli obblighi internazionali" sono soppresse.


Art. 2.

        1. All'articolo 117, secondo comma, della Costituzione, dopo la lettera s) sono aggiunte le seguenti:

            "s-bis) commercio con l'estero, salvo quanto disposto dalla lettera e) del quinto comma;

                s-ter) politica della ricerca scientifica e tecnologica, salvo quanto disposto dalla lettera f) del quinto comma;

                s-quater) porti e aeroporti civili, salvo quanto disposto dalla lettera g) del quinto comma;

                s-quinquies) grandi reti di trasporto e di navigazione;

                s-sexies) ordinamento della comunicazione;

                s-septies) produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia".

        2. Dopo il secondo comma dell'articolo 117 della Costituzione, come da ultimo modificato dal comma 1 del presente articolo, è inserito il seguente:

        "Le materie di competenza esclusiva dello Stato possono essere modificate facendo ricorso alla procedura di cui all'articolo 138, salvo che in caso di trasferimento di competenze a istituzioni dell'Unione europea, nel qual caso è necessaria solo una legge ordinaria di ratifica approvata a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna delle due Camere. Nel caso in cui le due Camere deliberino con voto difforme, la Camera dei deputati delibera una seconda volta e la legge è definitivamente approvata con la maggioranza dei due terzi".


Art. 3.

        1. All'articolo 117, terzo comma, della Costituzione, le parole: "e con l'Unione europea", "commercio con l'estero;", "ricerca scientifica e tecnologica e sostegno all'innovazione per i settori produttivi;", "porti e aeroporti civili;", "grandi reti di trasporto e di navigazione;", "ordinamento della comunicazione;" e "produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia;" sono soppresse, e dopo le parole: "e con esclusione della istruzione e della formazione professionale" sono inserite le seguenti: "nonché di quanto previsto dalle lettere b) e c) del quinto comma".


Art. 4.

        1. Dopo il terzo comma dell'articolo 117 della Costituzione, è inserito il seguente:

        "Le Regioni attivano la competenza legislativa esclusiva per le seguenti materie:

                a) assistenza e organizzazione sanitarie;

                b) organizzazione scolastica, gestione degli istituti scolastici e di formazione;

                c) definizione della parte dei programmi scolastici e formativi di interesse specifico delle Regioni;

                d) polizia locale;

                e) commercio con l'estero nell'ambito dell'Unione europea;
                f) ricerca scientifica e tecnologica a sostegno dell'innovazione nei settori produttivi;

                g) porti e aeroporti di interesse regionale e locale;

                h) rapporti con le Regioni e con gli enti delle autonomie locali dell'Unione europea".


Art. 5.

        1. Al quarto comma dell'articolo 117 della Costituzione, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: "o non inserita fra le materie di legislazione concorrente. Tali materie non espressamente riservate alla legislazione esclusiva dello Stato né devolute alle Regioni né attribuite alla legislazione concorrente possono essere inserite fra quelle di legislazione esclusiva dello Stato o fra le materie di legislazione concorrente con legge ordinaria dello Stato approvata dalle due Camere con maggioranza assoluta dei loro componenti. Nel caso in cui le due Camere deliberino con voto difforme, la Camera dei deputati delibera una seconda volta e la legge è definitivamente approvata con la maggioranza dei due terzi. L'iniziativa legislativa spetta al Governo, a ciascuna Giunta regionale previa delibera consiliare approvata a maggioranza dei due terzi dei suoi componenti e a ciascuna delle due Camere. Le modalità con cui ciascuna delle due Camere può attivare l'iniziativa legislativa sono definite dai rispettivi Regolamenti interni".


Art. 6.

        1. All'articolo 117, ultimo comma, della Costituzione, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: "e salvo quanto previsto dalle lettere e) e h) del quinto comma".



Frontespizio Relazione