Allegato A
Seduta n. 88 del 29/1/2002


Pag. 25


MOZIONE CIANI ED ALTRI N. 1-00027 CONCERNENTE LA COMUNITÀ DI SANT'EGIDIO

(Sezione 1 - Mozione)

La Camera,
premesso che:
la comunità di Sant'Egidio, fin dalla sua fondazione nel 1968, si è distinta per il forte ruolo di mediazione assunto a livello internazionale nella ricerca della pace nei luoghi di conflitto;
a questo impegno si aggiunge il «servizio ai poveri», concretizzato in progetti internazionali di aiuto e cooperazione in regioni di Paesi in via di sviluppo o alle prese con situazioni difficili perché colpiti da conflitti interni;
a Roma gestisce da anni la mensa dei poveri, una struttura che nel suo genere è la più grande d'Europa;
il suo intervento nella questione del Mozambico è emblematico: grazie al lavoro di mediazione della comunità di Sant'Egidio tra le parti in conflitto, il 4 ottobre del 1992, dopo due anni di trattative, sono stati firmati a Roma gli accordi di pace tra il Governo e la Renamo, dopo una guerra durata sedici anni, che ha causato un milione di morti e ha ridotto il Paese tra i più poveri al mondo;
in Algeria, fin dal 1994, la comunità coopera al tentativo di trovare una via d'uscita dalla violenza che percorre il Paese, cercando un confronto politico che metta fine allo scontro armato;
fondamentale è stato il ruolo della comunità in altre aree attraversate in questi anni dalla guerra come il Sudan, il Burundi, il Ruanda, l'Angola, i Balcani, il Centro America e il Medio Oriente;
è significativo il servizio offerto dalle scuole della pace, per i bambini di strada in Paesi dell'Africa e dell'America latina, l'aiuto ai malati di aids, l'assistenza agli anziani, le case di pulcinella a sostegno dei portatori di handicap, le scuole popolari per bambini stranieri o nomadi;
rilevante è il suo ruolo nella battaglia per una moratoria di tutte le esecuzioni capitali;
tra gli obiettivi prioritari della comunità di Sant'Egidio è la realizzazione di un'amicizia tra persone di culture e nazioni differenti, per un dialogo interreligioso;
in questo momento delicato e grave che il mondo sta attraversando dopo gli attentati di New York e Washington, la comunità ha avviato una forte politica di dialogo e cooperazione tra uomini di religione, promuovendo un summit islamo-cristiano ad alto livello;

impegna il Governo:

a presentare ufficialmente la candidatura della comunità di Sant'Egidio per il conferimento del premio Nobel per la pace;
a sostenere questa proposta di candidatura presso tutte le istituzioni culturali universitarie del Paese.
(1-00027)
«Ciani, Mosella, Boccia, Lucidi, Monaco, Pecoraro Scanio,


Pag. 26

Molinari, Ceremigna, Giovanni Bianchi, Giachetti, Buontempo, Gentiloni Silveri, Tocci, Rocchi, Melandri, Benvenuto, Castagnetti, Milana, Pasetto, Frigato, Fioroni, Russo Spena, Franceschini, Maccanico, Pisa, Merlo, Tidei, Realacci, Cento, Maura Cossutta, Ladu, Meduri, Carra, Michelini».
(7 novembre 2001)